Che cosa posso leggere?

“Che cosa posso leggere?” è la domanda che mi sono sentito fare più volte da chi si accosta al Cristianesimo ortodosso.

“Niente” è la risposta che più spesso ho dato.

Non si tratta di scortesia ma di scoraggiare una specie di atteggiamento intellettualistico che non aiuta in alcun modo a giungere alla Fede. Ho conosciuto persone che avevano letto i padri della Chiesa, le opere di quel teologo russo rinomato o ancora i libri di quell’altro teologo greco. E ancora quelli che grazie al web avevano scovato blog o siti che danno la sensazione di sapere molto o quasi tutto. In quasi tutti questi casi si giungeva ad acquisire molte conoscenze sull’Ortodossia ma quasi mai ad una vita cristiana.

Io stesso che il Cristianesimo Ortodosso la prima volta lo incontrai sui libri posso dire di averne fatto veramente esperienza solo quando cominciai a frequentare la chiesa scoprendo che aveva ragione quel straordinario personaggio che è Pavel Florenskij

«raccontano che attualmente in Occidente si impara a nuotare in palestra, sdraiati sul pavimento; allo stesso modo si può diventare cattolici o protestanti sui libri, senza contatti con la vita, nel proprio studio. Per diventare ortodossi, invece, bisogna immergersi di colpo nell’elemento ortodosso, vivere nell’Ortodossia».

P. Florenskij, La colonna e il fondamento della verità, 40

Bisogna allora capire che cosa c’è alla base della domanda “che cosa leggere?”: se c’è un mero interesso intellettuale, una curiosità allora si può anche cominciare con Wikipedia per arrivare a teologi e padri della chiesa. Se invece c’è una ricerca di fede, un cuore inquieto alla base allora la mia risposta è sul serio “niente”. Non leggete niente! Non riempite la vostra testa di nozioni! A che vi serve aver chiara la questione del Filioque se siete incapaci di praticare le virtù cristiane e di vivere secondo il Vangelo?

Attenzione, non sto dicendo che leggere, conoscere e formarsi non sia importante ma dico solo che in tutto c’è una gradualità: come non si comincia a nuotare facendo i cento metri dorso così non si diventa cristiani ortodossi leggendo subito tutto san Gregorio Palamas.

Se nel vostro cuore c’è il desiderio di conoscere il cristianesimo ortodosso fate una cosa ben più semplice: cercate la chiesa ortodossa più vicina e cominciate a frequentarla, poi presentatevi al prete e lasciatevi aiutare.

Ad essere onesto però almeno una lettura la consiglierei.

Sul vostro comodino, sulla vostra scrivania non manchi una Bibbia. Leggete in particolare il Nuovo Testamento cominciando magari dal Vangelo di Marco, il più piccolo e il più semplice. E se volete iniziare a pregare servitevi dei Salmi. Il Salterio è il miglior libro di preghiera.

Pubblicato da Adriano Frinchi

Ho una biografia bellissima però questo spazio è troppo piccolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: