10a Domenica dopo Pentecoste

16 agosto /29 agosto 2021, Domenica

Domenica 10a dopo Pentecoste. Dopofesta della Dormizione. Non c’è digiuno. Tono 1°.
Trasferimento da Edessa a Costantinopoli dell’Immagine non fatta da mano d’uomo
(Mandylion) del Signore Gesù Cristo (944). Del mart. Diomido medico (298); dei 33 martt. della
Palestina. Dek ven. Cherimone di Egitto (IV), del mart. grande principe Costantino Brâncoveanu (romen.), Sinassi dei santi di Kemerovo (celebrazione mobile la domenica prima del 18/31 agosto) 1 . Dello ieromart. Alessandro Sokolov, presbitero, della ven. mart. Anna (Ežovaja), monaca, del mart. Giacomo Gortinskij (1937). Del ven. Gioacchino (Osogovskij).
Delle icone della Madre di Dio: Theodorovskaja (1239); “Solennità della Santissima Madre di Dio” (di Port Arthur) (1904), Aumento di intelletto (Colei che conferisce intelletto, celebrazione mobile la domenica dopo il 15/28 agosto).

Apostolo: 1 Corinzi 4:9-16

9Ritengo infatti che Dio abbia messo noi, gli apostoli, all`ultimo posto, come condannati a morte, poiché siamo diventati spettacolo al mondo, agli angeli e agli uomini. 10 Noi stolti a causa di Cristo, voi sapienti in Cristo; noi deboli, voi forti; voi onorati, noi disprezzati. 11 Fino a questo momento soffriamo la fame, la sete, la nudità, veniamo schiaffeggiati, andiamo vagando di luogo in luogo, 12 ci affatichiamo lavorando con le nostre mani. Insultati, benediciamo; perseguitati, sopportiamo; 13 calunniati, confortiamo; siamo diventati come la spazzatura del mondo, il rifiuto di tutti, fino ad oggi.
14 Non per farvi vergognare vi scrivo queste cose, ma per ammonirvi, come figli miei carissimi. 15 Potreste infatti avere anche diecimila pedagoghi in Cristo, ma non certo molti padri, perché sono io che vi ho generato in Cristo Gesù, mediante il vangelo.16 Vi esorto dunque, fatevi miei imitatori!

Vangelo: Matteo 17:14-23

Appena ritornati presso la folla, si avvicinò a Gesù un uomo 15 che, gettatosi in ginocchio, gli disse: “Signore, abbi pietà di mio figlio. Egli è epilettico e soffre molto; cade spesso nel fuoco e spesso anche nell`acqua; 16 l`ho già portato dai tuoi discepoli, ma non hanno potuto guarirlo”. 17 E Gesù rispose: “O generazione incredula e perversa! Fino a quando starò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatemelo qui”. 18 E Gesù gli parlò severamente, e il demonio uscì da lui e da quel momento il ragazzo fu guarito. 19 Allora i discepoli, accostatisi a Gesù in disparte, gli chiesero: “Perché noi non abbiamo potuto scacciarlo?”.20 Ed egli rispose: “Per la vostra poca fede. In verità vi dico: se avrete fede pari a un granellino di senapa, potrete dire a questo monte: spostati da qui a là, ed esso si sposterà, e niente vi sarà impossibile. 21 [Questa razza di demòni non si scaccia se non con la preghiera e il digiuno]”. 22 Mentre si trovavano insieme in Galilea, Gesù disse loro: “Il Figlio dell`uomo sta per esser consegnato nelle mani degli uomini 23 e lo uccideranno, ma il terzo giorno risorgerà”. Ed essi furono molto rattristati. 

Pubblicato da Adriano Frinchi

Ho una biografia bellissima però questo spazio è troppo piccolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: