Domenica dopo la Teofania

10/23 gennaio 2022, Domenica

Domenica 31a dopo Pentecoste, dopo l’Epifania. Tono 6°. Dopofesta dell’Epifania. Non c’è digiuno.

Dello ierarca Gregorio di Nissa, vescovo (dopo 394); del ven. Domeziano, vescovo di Melitene (601); dello ierarca Teofane il recluso di Vyša (1894); del ven. Macriano di Costantinopoli, presbitero (V); del ven. Paolo di Komel (di Obnora) (1429); del venerabile Antipa di Valaam (dell’Athos) (1882). Del venerabile Macario di Pisma (XIV); della beata Teosebia (Teosba) diaconessa, sorella dello ierarca Gregorio di Nissa (385). Dello ieromart. Zenobio Sutormin, presbitero (1920); dello ieromart. Pietro Uspenskij, presbitero (1930); dello ieromart. Anatolio (Grisjuk), metropolita di Odessa (1938).

Apostolo: Efesini 4:7-13

7 A ciascuno di noi, tuttavia, è stata data la grazia secondo la misura del dono di Cristo. 8 Per questo sta scritto: Ascendendo in cielo ha portato con sé prigionieri,  ha distribuito doni agli uomini. 9 Ma che significa la parola “ascese”, se non che prima era disceso quaggiù sulla terra? 10 Colui che discese è lo stesso che anche ascese al di sopra di tutti i cieli, per riempire tutte le cose. 11 E` lui che ha stabilito alcuni come apostoli, altri come profeti, altri come evangelisti, altri come pastori e maestri, 12 per rendere idonei i fratelli a compiere il ministero, al fine di edificare il corpo di Cristo, 13finché arriviamo tutti all`unità della fede e della conoscenza del Figlio di Dio, allo stato di uomo perfetto, nella misura che conviene alla piena maturità di Cristo.

Vangelo: Matteo 4:12-17

 12 Avendo intanto saputo che Giovanni era stato arrestato, Gesù si ritirò nella Galilea 13 e, lasciata Nazaret, venne ad abitare a Cafarnao, presso il mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, 14 perché si adempisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia:
15 Il paese di Zàbulon e il paese di Nèftali, 
sulla via del mare, al di là del Giordano, 
Galilea delle genti;
16il popolo immerso nelle tenebre 
ha visto una grande luce; 
su quelli che dimoravano in terra e ombra di morte 
una luce si è levata.
17 Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: “Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino”.

Pubblicato da Adriano Frinchi

Ho una biografia bellissima però questo spazio è troppo piccolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: